saltimbocca alla romana

Eccomi con un piatto tipicamente romano ma che in effetti… proprio romano non si sa se lo è. Pare sia nato al nord, dalle parti di Brescia, ma che man mano si sia acclimatato a Roma per poi essere presente sulle tavole di tutta Italia, con modalità di preparazione diverse: carne di pollo,  involtini, all’estero in molti ristoranti  sono serviti con pasta e tortellini.

Ma la ricetta che rende giustizia a questo piatto, la ricetta più antica che poi è l’ “originale”, per me la più buona, è quella di Pellegrino Artusi il famosissimo scrittore, gastronomo e critico letterario italiano che, nel  suo trattato “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”, con la ricetta n. 222 li descrive con esattezza, raccontando di averli mangiati a “Le Venete”, un ristorante romano di Via di Campo Marzio, verso la fine del 1800.

E per questo se volete mangiare i saltimbocca “comme il faut” direbbero in Francia ma siccome sono alla romana,  se li volete mangiare “come se deve”, preparateli così:

Print Recipe
saltimbocca alla romana
un piatto velocissimo con un incredibile gusto corposo e rotondo. L'ideale per fare bella figura a tavola!
Porzioni
3 porzioni
Ingredienti
  • 6 fettine di vitella
  • 6 fettine di prosciutto crudo
  • 6 foglioline di salvia
  • 15/20 g di burro
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 1 pizzico di sale
Porzioni
3 porzioni
Ingredienti
  • 6 fettine di vitella
  • 6 fettine di prosciutto crudo
  • 6 foglioline di salvia
  • 15/20 g di burro
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 1 pizzico di sale
Istruzioni
  1. Affinare la carne togliendo eventuali grassetti laterali. Batterla delicatamente e salarla moderatamente solo da un lato. Sistemare sull’altro lato una fettina di crudo e una fogliolina di salvia e fermarli con uno stecchino.
  2. In una comoda padella far spumeggiare il burro e cuocere i saltimbocca da ogni lato. Pepare e deglassare il fondo con uno o due cucchiai d’acqua per essere certi di raccogliere tutta l’odorosa e saporita salsina. Si mangiano preferibilmente caldi.
Recipe Notes

Al posto del burro si può usare l'olio d'oliva, come del resto ho sempre fatto io prima di provare questa fantastica versione dell'Artusi.

Qui se volete approfondire la storia di questo piatto e qui una versione alternativa che ho preparato tanto tempo fa.

 

Buon appetito!!

 

 

5 Comments

  • Andrea ha detto:

    Da buon romano, questo è un piatto che mangio sempre tanto volentieri, e chisseneimporta se non è nato proprio a Roma! Comunque, tanto di cappello al buon Pellegrino Artusi, e naturalmente anche a te che hai rispolverato questo buon piatto!

  • Annalisa ha detto:

    Ciao cara, dopo la diatriba tra Roma e il nord, io intanto segno la ricetta del buon Artusi che è una garanzia! Grazie 😉

  • ricette collaudate ha detto:

    Buoni!
    Da quanto tempo che non li preparo!!!!
    Baci

  • Luna ha detto:

    Adoro questa ricetta! Mamma la faceva proprio come te, quando abitavo a casa dei miei genitori 🙂 Mia suocera tempo fa insisteva che va messo il prosciutto cotto, ma lei che ne può sapere…è pugliese!!! I saltimbocca alla romana sono così e basta e ci va il prosciutto crudo!

  • Valentina ha detto:

    Eccoli, meravigliosi cara Meri!!! E’ un piatto che adoro e i tuoi sono così invitanti… Mi hai fatto venire voglia di prepararli già da qualche giorno, quando li ho visti su Instagram. Mi sa che in questi giorni rimedio e li faccio ^_^ Bravissima, un abbraccio grande e buona serata :**

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.